ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE MATTEI
Fare Memoria Per Non Dimenticare

Come in tante scuole d'Italia, anche il polo Mattei ha dato il suo contributo alla riflessione sulla Giornata della Memoria: il 27 gennaio si è tenuto in Aula Magna l'incontro con Luisa Soavi, testimone delle persecuzioni razziali durante la seconda guerra mondiale e Mario Miti, co-ordinatore dell' A.N.P.I. di Monticelli d'Ongina, che ha aiutato la signora nel racconto della sua storia.

Luisa Soavi, figlia di un padre ebreo e madre cattolica, in seguito all'emanazione delle leggi razziali, fu costretta a cercare riparo in un Paese neutrale come la Svizzera.

La fuga non andò come previsto; infatti, dovettero fare i conti con i finanzieri svizzeri che li respinsero dal loro Paese.

Oltre a persone indifferenti, alle vicende di quel periodo, incontrarono anche persone disposte ad aiutarli e offrire loro un rifugio dove nascondersi, come ad esempio i carabinieri.

Una volta tornati in Italia, la famiglia si divise: le figlie vennero mandate in un collegio di Lodi, mentre il padre venne ospitato in un' azienda agricola gestita da un amico.

Alla fine della guerra il padre tornò a Monticelli d’Ongina, mentre le figlie vennero riportate a casa dai partigiani del luogo.

Il paese accolse festoso la famiglia, la quale scoprì che la casa era stata occupata da altre persone, quindi furono ospitati nuovamente da amici.

Questa storia é stata raccontata con parole pacate, ma estremamente forti e decise. Nelle parole nessun rancore, ma la speranza di trasmettere ai giovani un desiderio di pace affinché non si ripetano mai più le atrocità delle persecuzione. Su questo punto la signora Soavi ha anche espresso la paura che trionfi nel tempo il silenzio o il negazionismo: a noi il compito di non permettere questo.

L'incontro è stato apprezzato dai ragazzi che hanno percepito l'incredibile attualità dell'argomento. Numerose sono state le domande degli studenti e l'applauso finale ha sottolineato affetto e riconoscenza per questa gracile signora dalla forte personalità.

Pubblicata il 29 gennaio 2020

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.